MIRNHA – Haiti


 

Mitigazione dei rischi naturali ad Haiti

Haiti è uno dei paesi più poveri al mondo, il 96% della popolazione è esposta a molteplici catastrofi naturali, il livello di deforestazione e erosione accelerata è gravissimo (World Bank, 2010). Negli ultimi anni numerosi cicloni tropicali hanno generato venti violenti, inondazioni, perdita di raccolti, carestie, frane, malattie, distruzioni di case e morti, anche a causa dell'alta densità di popolazione e dell'urbanizzazione caotica. L'erosione del suolo in molte zone è irreversibile e sta provocando una progressiva desertificazione e diminuzione dei terreni coltivabili e di conseguenza carenza delle risorse alimentari. La degradazione del suolo è accentuata dalla deforestazione provocata sia dalla produzione di carbone, essenziale per la cottura degli alimenti, sia a causa delle tecniche di coltivazione non sostenibili. La violenza del vento, delle inondazioni e delle frane originate dai cicloni è molto più forte in Haiti che nell'adiacente Repubblica Domenicana a causa dell'assenza di vegetazione.

 

MIRNHA